RAAM
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: interagendo col nostro sito acconsenti al loro uso.
Se accedi a un qualunque elemento estraneo a questo banner continuando a navigare su questo sito, acconsenti all’uso dei cookie.
Ok Ulteriori informazioni
Modalità GUIDA

Anselm Kiefer Sternenfall

Misure
cm 456 x 530 ca.
Descrizione
Esponente del Neo-espressionismo tedesco nei primi anni Ottanta, Anselm Kiefer è uno degli artisti più importanti sulla scena internazionale. Trascendendo i generi artistici (scultura, pittura, installazione), Kiefer attraversa l’arte per riscattare l’oscurità della storia, in particolare quella tedesca del nazionalsocialismo e del Terzo Reich. La sua formazione, segnata dallo scambio con Joseph Beuys, è stata preceduta da studi in legge e lingue romanze all’Università di Freiburg. "Sternenfall" (stelle cadenti), è parte di un ciclo di lavori fortemente indicativi rispetto agli aspetti di continuità e rottura tra il periodo tedesco e quello francese, iniziato nel 1993, quando Kiefer si trasferisce a Barjac, vicino ad Avignone, dove costruisce il suo studio La Ribaute. Questo luogo, dove vive dal 1993 al 2007, gli permette di lavorare a progetti su larga scala, realizzando un corpus di lavori – di cui "Sternenfall" è parte – centrali rispetto alla sua fase più esistenzialista dettata dalla ricerca di reciprocità tra microcosmo e macrocosmo. Influenzato dalle teorie del filosofo-scienziato-alchimista Robert Fludd, l’artista combina spiritualità e razionalità, attingendo tanto alla fede cristiana quanto al pensiero neoplatonico. Girasoli e notti stellate, temi già cari a Kiefer per la sua ammirazione per Van Gogh, diventano – nei lavori di questi anni – il rispettivo negativo e positivo di un immaginario costruito durante il suo soggiorno nel paesaggio francese. Le costellazioni numeriche che compaiono nell’opera, sono costruite attraverso linee grafiche ed etichette riprese dal sistema che la NASA impiega per identificare e classificare le stelle. Al tema esistenzialista si sovrappone la memoria storica, con l’allusione alla numerazione dei prigionieri nei campi di concentramento. I numeri scritti sui vetri si materializzano anche sul pavimento, qui, dal basso, dove il processo alchemico ha inizio, nel tentativo di ricucire cielo e terra.
Esposta
Si
Bibliografia
D. Eccher (a cura di), Kiefer. Stelle cadenti, catalogo della mostra (Bologna, Galleria d’Arte Moderna), Torino 1999. A. Mattirolo, A. Rorro (a cura di), Le Collezioni. Acquisizioni di arte contemporanea per i musei nazionali. Galleria Nazionale d’Arte Moderna. Soprintendenza per il patrimonio storico-artistico e demoetnoantropologico di Milano – Pinacoteca di Brera, Torino 2003, pp. 22-23. M. Calvesi, I. Tommasoni (a cura di), Burri, gli artisti e la materia 1945-2004, catalogo della mostra (Roma, Palazzo delle Esposizioni), Milano 2005, p. 153. M. Biro (a cura di), Anselm Kiefer, New York 2013 Anselm Kiefer, catalogo della mostra (Londra, Royal Academy of Arts), Londra 2014.
Credit Line
Foto Patrizia Tocci
Condizione giuridica
Acquisto da Pier Luigi Remotti
Tipologia
Installazione
La tua e-mail *
Dettaglia la tua richiesta
Mail inviata
Si è verificato un errore, verifica i dati e riprova.
Invia
La tua e-mail *
La tua segnalazione *
Mail inviata
Si è verificato un errore, verifica i dati e riprova.
Invia